R.E.I.

 

REI - Reddito di Inclusione

 Ambito Territoriale Cuneo Sud Ovest

Consorzi Socio Assistenziali del Cuneese e

Valli Grana e Maira

 

Il Reddito di inclusione (REI) è una misura di contrasto alla povertà dal carattere universale, condizionata alla valutazione della condizione economica. Verrà erogato dal 1° gennaio 2018 e sostituirà il SIA (Sostegno per l'inclusione attiva) e l'ASDI (Assegno di disoccupazione).

Dal 1° luglio 2018 il REI diventerà universale: verranno cioè meno i requisiti familiari e resteranno i seguenti requisiti di accesso:

1 .Residenza e soggiorno:

  • cittadino dell'Unione o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo e soggetti titolari di protezione internazionale;
  • residente in Italia, in via continuativa, da almeno due anni al momento della presentazione della domanda.

2 .Economici

Il nucleo familiare deve essere in possesso congiuntamente di:

  • un valore ISEE in corso di validità non superiore a 6mila euro;
  • un valore ISRE (l'indicatore reddituale dell'ISEE, ossia l'ISR diviso la scala di equivalenza, al netto delle maggiorazioni) non superiore a 3mila euro;
  • un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20mila euro;
  • un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) non superiore a 10mila euro (ridotto a 8 mila euro per la coppia e a 6 mila euro per la persona sola).

3. Altri requisiti

Per accedere al REI è inoltre necessario che ciascun componente del nucleo familiare:

  • non percepisca già prestazioni di assicurazione sociale per l'impiego (NASpI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria;
  • non possieda autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità);
  • non possieda navi e imbarcazioni da diporto (art. 3, c.1, D.lgs. 171/2005).

 

Il REI si compone di:

  1. Carta REI: un beneficio economico erogato mensilmente, che varia in base al numero dei componenti del nucleo familiare e dalle risorse economiche già in possesso. L’ammontare dell’importo tiene conto di eventuali trattamenti assistenziali e redditi già percepiti dal nucleo stesso.
  2.  un Progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà, predisposto sotto la regia dei servizi sociali. La sottoscrizione del progetto è condizione necessaria per accedere al beneficio e prevede specifici impegni.

 Il REI può durare al massimo 18 mesi ed è necessario che trascorrano almeno sei mesi dall’ultima erogazione prima di poterlo chiedere per una seconda volta per ulteriori, e definitivi, 12 mesi. 

COSA FARE?

Il cittadino compilerà il modulo di domanda predisposto dall’INPS (disponibile presso gli uffici Comunali e le sedi territoriali dei Servizi Socio-Assistenziali) e lo consegnerà al Comune di residenza corredato da:

  • copia di un documento di riconoscimento valido;
  • dichiarazione ISEE in corso di validità;
  • in caso di gravidanza: certificazione rilasciata da una Struttura Pubblica.

Per ulteriori informazioni visita il sito: www.lavoro.gov.it